Accueil / Traductions / Italiano / Le grandi parole della teologia: Teodicea

Le grandi parole della teologia: Teodicea

Di André Gounelle
pastore, professore onorario all’Istituto protestante di teologia di Montpellier, autore di numerosi libri e collaboratore di Évangile et Liberté da 50 anni.

Traduzione di Giacomo Tessaro

La teologia, come ogni disciplina, è una ricerca permanente, per questo ha bisogno di costruire un suo vocabolario, che evochi le idee che essa va elaborando. Ma, come in tutti i linguaggi specialistici, le sue parole divengono a volte inaccessibili. In questa serie vogliamo rendere più semplici delle parole che in realtà non lo sono. La teologia è alla portata di tutte e tutti!

“O Dio, perché? Perché permetti i drammi, le miserie e le crudeltà di questo mondo? Cosa aspetti per intervenire e far cessare questi orrori?” Sono molte le pagine della Bibbia che pongono questo interrogativo, con i toni del lamento oppure quelli dell’accusa: i Salmi, i profeti, Giobbe e lo stesso Gesù, con il suo grido sulla Croce: “Eli Eli lama sabachthani?” [O Dio, o Dio, perché mi hai abbandonato?]. Sono numerosi i credenti tormentati e disgustati dalla sofferenza propria e del prossimo. Sempre la fede si dibatte nel male di vivere, che probabilmente è la cosa che più di ogni altra non smette di minacciarla, scuoterla e corroderla.

In un libro pubblicato nel 1710 dedicato a questo argomento il filosofo Leibniz conia (o comunque introduce) il termine “teodicea”, composto dall’unione di due parole greche: “theos”, che designa Dio, e “dike”, che significa “giustizia”. Una teodicea è un tentativo di dimostrare la giustizia di Dio, risolvendo l’enigma del male ma impedendo di attribuirne la responsabilità a Dio, quindi in qualche modo giustificandolo o assolvendolo.

Ci sono molte teodicee. Secondo alcune, non è compito dell’essere umano giudicare Dio e chiedergli conto del male; il libro di Giobbe segue questa linea. Secondo altre, ciò che a noi sembra un male in realtà non lo è, e dobbiamo imparare a vedere nelle nostre sofferenze, anche le più acute, la benevolenza di Dio; è pressapoco la posizione di Calvino. Altre linee di pensiero ritengono che Dio non sia onnipotente, che il male accada contro la sua volontà, che Dio vi si opponga e che finirà con l’eliminarlo nel suo Regno futuro; è più o meno la posizione di Wilfred Monod e della teologia del processo. Ed esistono molte altre risposte.

Scriveva Camus che al capezzale di un bambino in agonia non c’è teoria che tenga; quello che è urgente non è spiegare il male, ma combatterlo e farlo retrocedere. È un’osservazione profondamente giusta, che però non ostacola una riflessione di fondo sulla questione della teodicea.

À propos Gilles

a été pasteur à Amsterdam et en Région parisienne. Il s’est toujours intéressé à la présence de l’Évangile aux marges de l’Église. Il anime depuis 17 ans le site Internet Protestants dans la ville.

Laisser un commentaire

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.