Accueil / Traductions / Italiano / La morte del professor Raphaël Picon

La morte del professor Raphaël Picon

Corinne Lanoir

decana della Facoltà di Teologia Protestante di Parigi

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

 

Il nostro professore, teologo ed amico Raphaël Picon è deceduto giovedì 21 gennaio dopo un anno di lunga lotta contro la sua malattia. In questa immensa perdita non abbiamo finito di comprendere tutto quello che ci è stato concesso di vivere, di ricevere, di capire a fianco di quest’uomo dall’intelligenza fine e piena di humour, di grande umanità e dalla spiritualità discreta, fermamente ancorata in una sublime accettazione della vita, della sua bellezza e delle sue contraddizioni. Profondamente ecumenico, attento alla vita ordinaria, lasciava sempre ai suoi interlocutori e alle sue interlocutrici la libertà di prendere quanto potevano delle idee che proponeva con molta eleganza. A noi ora l’onore di far vivere questa eredità nella pena e nella speranza.

 

Il nostro pensiero va in particolare a sua moglie Cécile e ai loro figli Flaminio, Nadia e Joachim.

 

Preghiera di lode

 

Le parole che Flaminio e Nadia (assieme a Joachim) sono riusciti a pronunciare nel loro lutto ci confermano la grandezza della pena attuale.

 

Eccoci qui, voi, la sua famiglia, noi, i suoi amici, per dire quanto abbiamo voluto bene a Raphaël e quanto siamo riconoscenti per la sua vita e la sua presenza in mezzo a noi, per tutto ciò che questo costruttore ha realizzato in famiglia, nell’insegnamento in quella facoltà di teologia che proprio lui ha ricostruito, nei suoi vari impegni.

 

Nel dolore della perdita, siamo qui in questo tempio perché vogliamo porre questa infinita tristezza di fronte a qualcosa di più grande ancora. Nel vuoto di questa assenza stiamo cercando un Dio nascosto, un Dio dall’immensità celata, un Dio d’amore e di consolazione.

 

A lui appartengono il mistero della vita e della morte di Raphaël.

 

Noi nulla capiamo di ciò.

 

Ma siamo qui per ascoltare una consolazione, per osare credere che non siamo soli nel nostro dolore.

 

Ecco perché ora ci poniamo in presenza di Dio.

 

Dio d’amore e di misericordia

tu che dal caos fai nascere e rinascere senza sosta la vita

ti confidiamo la nostra pena.

Siamo venuti qui a deporre il nostro fardello

e crediamo alla promessa della quiete

oggi o domani.    

Sappiamo che Raphaël ha raggiunto l’immensità

della tua intelligenza del mondo.

Dacci il coraggio e la forza di continuare il cammino

di costruire al di là dell’assenza

di vedere ancora la bellezza nell’ordinario

e di dire sì alla vita che tu ci dai.

Amen

Don

Pour faire un don, suivez ce lien

À propos Gilles

Avatar
a été pasteur à Amsterdam et en Région parisienne. Il s’est toujours intéressé à la présence de l’Évangile aux marges de l’Église. Il anime depuis 17 ans le site Internet Protestants dans la ville.

Laisser une réponse

Votre adresse email ne sera pas publiéeLes champs requis sont surlignés *

*

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.