Accueil / Traductions / Italiano / Le parole che non piacciono : Dio

Le parole che non piacciono : Dio

Di James Woody

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

Ma di cosa parliamo quando diciamo “Dio”? Parliamo della stessa cosa quando diciamo che Dio è amore, quando gli addebitiamo la morte di una persona (“Dio lo ha chiamato a sé”), quando facciamo di lui il padrone del nostro destino (“A Dio piacendo”), quando affermiamo che è il fondamento dell’essere o quando professiamo che “Dio libera il suo popolo da ogni schiavitù”? Quando diciamo “Dio”, non sappiamo veramente cosa stiamo dicendo. “Dio” è troppo spesso un jolly dietro al quale non c’è nessuna idea definita sul significato di questa parola. “Dio ha detto che…”, “Dio vuole che…” sono delle formule che trasformano i nostri desideri personali in imperativi categorici.

 

Il solo atteggiamento possibile di fronte a questa inflazione di “Dio” è il digiuno: smettere di dire “Dio” almeno per un mese. Non considerare il ruolo dell’Eterno invano. Dire esplicitamente a cosa rimanda la parola “Dio”, ma senza più pronunciarla, senza più scriverla. Una moratoria di “Dio”, una kenosis (uno svuotamento) di “Dio” per sbarazzare l’Eterno da tutti i nostri sottintesi, da tutte le nostre definizioni implicite, da tutti gli stereotipi che ci trasciniamo dietro e che impediscono a Dio di essere l’Eterno. Se “Dio è al di là di Dio”, ovvero se il Dio autentico è al di là delle nostre sempre imperfette definizioni, come suggeriva il teologo Paul Tillich, allora andiamo al di là della parola “Dio” ed esploriamo quello spazio. Potremo così attribuire a questa parola la nuova realtà che avremo sperimentato e “Dio” sarà allora la parola giusta – il logos – per esprimere ciò che i testi biblici si sforzano di rivelarci e che la fede ci fa desiderare.

 

 

Don

Pour faire un don, suivez ce lien

À propos Gilles

a été pasteur à Amsterdam et en Région parisienne. Il s’est toujours intéressé à la présence de l’Évangile aux marges de l’Église. Il anime depuis 17 ans le site Internet Protestants dans la ville.

Laisser un commentaire

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.