Accueil / Traductions / Italiano / Le grandi parole della teologia: Apocatastasi

Le grandi parole della teologia: Apocatastasi

La teologia, come ogni disciplina, è una ricerca permanente, per questo ha bisogno di costruire un suo vocabolario, che evochi le idee che essa va elaborando. Ma, come in tutti i linguaggi specialistici, le sue parole divengono a volte inaccessibili. In questa serie vogliamo rendere più semplici delle parole che in realtà non lo sono. La teologia è alla portata di tutte e tutti!

Di Abigaïl Bassac*

Traduzione di Giacomo Tessaro

* Abigaïl Bassac ha conseguito un master alla Scuola Pratica di Alti Studi (sezione di scienze religiose) e ne sta conseguendo un altro in teologia a Ginevra. Lavora come assistente all’Istituto Protestante di Teologia (facoltà di Parigi) e caporedattrice aggiunta di Évangile et Liberté.

È un termine che torna utile quando si rivolge l’attenzione alla questione della salvezza e dei suoi destinatari. La salvezza è riservata ad alcuni privilegiati, scelti da Dio ancor prima della creazione, oppure a chi riconosce Gesù come Salvatore, oppure ancora a chi tiene un comportamento approvato dalla morale? La risposta che il credente dà a questa domanda la dice lunga sulla sua concezione di Dio.

In greco “apokatastasis panton” significa “restaurazione di tutte le cose”. L’espressione si trova nel Nuovo Testamento (Atti 3:21) e il concetto che designa si ritrova al centro di numerosi dibattiti teologici durante i primi secoli del cristianesimo, l’epoca in cui sono stati sviluppati i grandi dogmi. Il Padre della Chiesa Origene (ca. 185-254) ne è uno dei principali difensori. Purtroppo questa dottrina è stata condannata come eretica nel VI secolo, eppure ai giorni nostri vi aderisce un grande numero di credenti. Ma qual è il senso che possiamo darle?

“Apocatastasi” significa che tutto verrà restaurato; nel contesto della teologia cristiana, aderire a questa dottrina significa affermare che la salvezza è universale, ovvero destinata a tutti. No, la salvezza offerta da Dio non è riservata ad alcuni; quali che possano essere i criteri creati per restringere la sua salvezza, non cambia nulla, rimane comunque un’affermazione inaccettabile. La salvezza, dono di Dio che si rinnova ogni momento, è ciò che ci strappa dall’assurdità e dalla morte, da tutto ciò che soffoca la vita. Sì, è un dono destinato a tutti, quali che siano le nostre condizioni. Per me, affermare l’apocatastasi non significa scommettere sulla vita dopo la morte, bensì affermare che tutti noi possiamo vivere in pienezza qui e ora, che quella vita, di cui non sospettiamo nemmeno l’esistenza, può cominciare in qualsiasi istante, per ciascuno di noi.

À propos Gilles

a été pasteur à Amsterdam et en Région parisienne. Il s’est toujours intéressé à la présence de l’Évangile aux marges de l’Église. Il anime depuis 17 ans le site Internet Protestants dans la ville.

Laisser un commentaire

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.