Accueil / Traductions / Italiano / Il dono della Grazia: lo sport di Dio!

Il dono della Grazia: lo sport di Dio!

Di Christophe Jacon*

Traduzione di Giacomo Tessaro

Tratto da Évangile et Liberté n° 314, dicembre 2017

Il passo biblico è tratto dalla versione Nuova Riveduta

* Christophe Jacon è pastore della Chiesa Protestante Unita di Francia e informatore regionale per il sud-ovest. Si è laureato in Nuovo Testamento alla Facoltà Protestante di Teologia di Strasburgo e si interessa alle lettere paoline, al pensiero dei Riformatori e alla teologia politica.

Oggi in cui scrivo queste righe è il mio ultimo giorno di ferie. Sono affezionato a questo periodo, in cui posso dedicarmi al mio sport preferito: il trail. Mi meraviglio di fronte alla bruma mattutina che ricopre i sentieri delle Cévennes, mi stupisco di fronte a questi paesaggi sui quali si disegna, sullo sfondo, il monte Aigoual, mi dà gioia respirare ora il profumo del brugo, ora quello dei castagni. Noto come non sia il solo ad essere sedotto da questo sport che ti immerge nella natura: incrocio sempre più gente sulle numerose varianti del GR 6.

Questo fine agosto, però, due trailer sono morti nel tentativo di raggiungere la cima del Monte Bianco, senz’altro equipaggiamento che un paio di pantaloncini e una borraccia. Secondo alcuni è l’effetto Kilian Jornet, facendo riferimento al trailer spagnolo che lo scorso maggio, in meno di una settimana, si è inerpicato due volte sull’Himalaya senza ossigeno e senza equipaggiamento. Questi trailer, come altri adepti degli sport estremi, non cercano di meravigliarsi di fronte alla natura: cercano l’exploit, vogliono la performance. Il sociologo David le Breton, nel suo libro “Passions du risque”, analizza bene il fenomeno: “La moltiplicazione delle attività fisiche e sportive a rischio va di pari passo con una società in cui un numero sempre crescente di individui non ritiene più sufficiente vivere: bisogna sentirsi esistere”. Gli sportivi estremi flirtano con la vita! Nel loro sport si sentono esistere ma alla fine, senza rendersene conto, si piegano alle norme della società, che ci incoraggia a conquistare la nostra esistenza attraverso il successo professionale, gli exploits sportivi, le nostre performances…

Gesù ci apre un’altra via. Ci ricorda che la nostra esistenza ci viene data, non abbiamo bisogno di conquistarla, di strapparla a qualcuno, di viverla a spese di qualcun altro: dobbiamo solamente riceverla e viverla. Sì, viverla, appoggiandoci a questa parola che Dio, in Cristo, rivolge a ciascuno e ciascuna di noi: “Tu sei il mio diletto Figlio; in te mi sono compiaciuto” (Marco 1:11).

Don

Pour faire un don, suivez ce lien

À propos Gilles

a été pasteur à Amsterdam et en Région parisienne. Il s’est toujours intéressé à la présence de l’Évangile aux marges de l’Église. Il anime depuis 17 ans le site Internet Protestants dans la ville.

Laisser un commentaire

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

En savoir plus sur Évangile et Liberté

Abonnez-vous pour poursuivre la lecture et avoir accès à l’ensemble des archives.

Continue reading