Accueil / Traductions / Italiano / Parola islamica :Il terrorismo è l’anti-islam

Parola islamica :Il terrorismo è l’anti-islam

Nezha Zhegari

nata a Rabat (Marocco), è dottoressa in biologia e ricercatrice nell’industria farmaceutica.
Legge regolarmente Évangile et Liberté ed è assidua ai culti dell’Oratoire du Louvre di Parigi

Traduzione di Giacomo Tessaro

I passi coranici sono tratti dalla versione di Hamza Roberto Piccardo

Il terrorismo non è una versione dell’islam, piuttosto è l’anti-islam. L’islam è un umanesimo e nell’islam la via umana è sacra: questo è un principio etico centrale. Il jihad non si identifica con il neologismo funesto del jihadismo: nel Corano esso rinvia alla legittima difesa della vita e della dignità, alla padronanza delle passioni, a un’etica esigente.

L’islam è pace ma non pacifismo; esorta sì al perdono ma non fa sua la raccomandazione evangelica di porgere l’altra guancia. L’islam autorizza la risposta decisa, anzi la raccomanda, in quanto è la condizione per una pace duratura! Tuttavia, se è giusto e razionale resistere all’aggressione, il ricorso all’autodifesa è limitato da ingiunzioni non negoziabili:

Non si deve aggredire: “Combattete per la causa di Allah contro coloro che vi combattono, ma senza eccessi, ché Allah non ama coloro che eccedono” (2:190).

La risposta deve essere proporzionale: “Aggredite coloro che vi aggrediscono. Temete Allah e sappiate che Allah è con coloro che Lo temono” (2:194).

I non combattenti sono sacri: “Se rimangono neutrali, non vi combattono e vi offrono la pace, ebbene, Allah non vi concede nulla contro di loro” (4:90).

Il primato va alla pace: “Se inclinano alla pace, inclina anche tu ad essa e riponi la tua fiducia in Allah. Egli è Colui Che tutto ascolta e conosce” (8:61).

Questi versetti sono il fondamento dell’etica islamica della guerra, riassunta nel celebre decreto di Abu Bakr nel VII secolo: “Oh soldati, ho dieci raccomandazioni da farvi! Non deviate dalla retta via e non commettete tradimento. Non mutilate il bottino, non uccidete né donne, né bambini, né vecchi, non bruciate le case. In territorio nemico non tagliate gli alberi, non devastate i campi, non avvelenate le sorgenti […]”. L’islam delle origini è molto lontano dalla barbarie e dalla violenza cieca.

È davvero inevitabile che le tragedie attuali ci facciano dimenticare i quattordici secoli in cui la civiltà islamica ha costruito le polis della convivenza? Vi prego, non fate questo affronto ai musulmani, non pensate che la loro fede e i loro fondatori portino in sé i germi dell’odio e della barbarie.

À propos Gilles

a été pasteur à Amsterdam et en Région parisienne. Il s’est toujours intéressé à la présence de l’Évangile aux marges de l’Église. Il anime depuis 17 ans le site Internet Protestants dans la ville.

Laisser un commentaire

%d blogueurs aiment cette page :