Accueil / Traductions / Italiano / Il presepe, la laicità e la religione

Il presepe, la laicità e la religione

Di André Gounelle

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

Il presepe contraddice la laicità? Bisogna proibirlo nei luoghi pubblici, da cui sono per legge esclusi i simboli religiosi? Interpellato da alcuni liberi pensatori, un tribunale ha così giudicato. Alcuni hanno reagito denunciando un’antireligiosità intollerante e totalitaria. Chi ha preso posizione in questa controversia, sia per il sì che per il no, è d’accordo nel considerare il presepe un simbolo religioso.

 

Io non ne sono del tutto convinto. Secondo me il presepe non appartiene al campo della religione, ma a quello del foklore. Il presepe rende più bella (o più brutta, a seconda dei casi) una festa culturale dominata dalla celebrazione della luce e della famiglia, illustra una leggenda che ha un tenue rapporto con i racconti biblici e nessun rapporto con il credo, che non dice nulla di Dio e della fede.

 

Che i liberi pensatori non distinguano tra religione e folklore non mi stupisce: per molti di essi la religione non è altro che folklore. Invece, che nemmeno i cristiani distinguano le due cose mi addolora. Se difendono il presepe, come è loro diritto, non dovrebbero però farlo in nome della religione. Mi viene anzi da pensare che, se c’è un posto in cui il presepe è fuori luogo, quel posto è la chiesa. Non per assolutismo o eccessivo purismo ma perché oggi, nel nostro mondo, è essenziale che il cristianesimo si dissoci dal folklore con il quale viene troppo spesso confuso.

 

 

Don

Pour faire un don, suivez ce lien

À propos Gilles

Avatar
a été pasteur à Amsterdam et en Région parisienne. Il s’est toujours intéressé à la présence de l’Évangile aux marges de l’Église. Il anime depuis 17 ans le site Internet Protestants dans la ville.

Laisser un commentaire

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.