Accueil / Traductions / Italiano / Perché ripetiamo sempre gli stessi errori?

Perché ripetiamo sempre gli stessi errori?

Di Gilles Castelnau

 

Gilles Castelnau è stato pastore ad Amsterdam e nella regione parigina. Si interessa da sempre alla presenza dell’Evangelo ai margini della Chiesa: nelle cappellanie militari, carcerarie, universitarie e nella Croce Blu. Anima, da 17 anni, il sito Internet Protestants dans la Ville ( http://protestantsdanslaville.org/ ).

 

Traduzione di Giacomo Tessaro

 

 

Ho letto poco tempo fa, sulla rivista Philosophie-magazine, l’articolo di un professore che non parlava né di religione né di teologia, ma che tuttavia mi ha fatto pensare ai pastori e ai sacerdoti. Ecco l’essenziale dell’articolo:

 

“Perché ritorniamo sempre sui medesimi errori? Ma a cosa ritorniamo, esattamente? Al già noto, anche se questo già noto non è glorioso, anche se è penoso, anche se ci soffoca. Forse però ci soffoca in una maniera che non ci dispiace poi tanto, che in ogni caso ci dispiace meno dell’ignoto, del nuovo, della vita. In questo ‘già noto’ che ci rassicura siamo come ‘a casa nostra’, nel senso peggiore del termine. Lì ruminiamo la nostra paura della vita. […] Ripetizione vuol dire: la morte che viene a bussarci.” (Charles Pépin)

 

Perché, sì, perché i predicatori ripetono sempre gli stessi errori teologici? Sanno bene che della Trinità nessuno ci capisce nulla; che un Dio folle di rabbia nel sentire sfuggirgli l’umanità, che perciò esige la morte sanguinosa di Gesù per placarsi è un’idea antipatica e atroce; che il tentativo di far credere al passaggio miracoloso del Mar Rosso da parte di Mosè è contraddetto dagli storici; che considerare la concezione miracolosa di Gesù da parte della vergine Maria una verità ginecologica è inappropriato; che identificare la Resurrezione di Gesù con un cadavere che si alza, tutto solo, nell’oscurità della sua tomba il mattino di Pasqua è una desolante incoerenza; che presentare un Dio puritano infiammato di collera pericolosa contro gli omosessuali, il controllo delle nascite o il divorzio è qualcosa che oltrepassa la bestemmia…

 

Sono consapevoli che tutto questo non funziona, che non c’entra nulla con la Buona Novella dell’Evangelo e distoglie le persone dal loro Dio. Eppure ripetono continuamente i medesimi errori! Sono desolato quando penso che questo professore ritiene che costoro abbiano paura della vita!

 

 

Don

Pour faire un don, suivez ce lien

À propos Gilles

a été pasteur à Amsterdam et en Région parisienne. Il s’est toujours intéressé à la présence de l’Évangile aux marges de l’Église. Il anime depuis 17 ans le site Internet Protestants dans la ville.

Laisser un commentaire

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.