Accueil / Traductions / Italiano / Editoriale

Editoriale

Di James Woody

Traduzione di Giacomo Tessaro

Si rompe con il passato, si sciolgono le lingue. Diviene possibile parlare di religione e dei fatti religiosi senza venire sospettati di proselitismo. Sì, il fatto religioso esiste. Gli uomini e le donne del XXI secolo non hanno perduto il gusto del sacro, della trascendenza, della speranza. È vero che il fatto religioso è stato rimosso; rimosso dalla coscienza collettiva, rimosso a livello di spazio pubblico, confinato nell’intimità, secondo il desiderio di chi vorrebbe regolamentare ancora di più l’interdizione assoluta di tutto ciò che ha a che fare con la religione. C’è da domandarsi come mai la religione non sia ancora stata considerata pericolosa per la salute.

Pericoloso è piuttosto relegare la religione nelle zone d’ombra della società, lontano dallo spazio pubblico, vale a dire lontano dal luogo in cui circola la parola, in cui le idee cozzano le une contro le altre, in cui è possibile interrogare e farsi interrogare, lì dove verifichiamo la qualità delle nostre argomentazioni e la profondità delle nostre convinzioni, lì dove è possibile una regolamentazione del credere. Gesù, che secondo l’evangelista Matteo pensava di non dover trattare con chi non apparteneva alla casa d’Israele, scoprirà che la fede è un affare che non si ferma alla soglia della propria casa (Matteo 15:24). Gesù stesso si farà scuotere nelle sue certezze da una donna straniera, di cultura non giudaica. Ed è grazie a questa persona, che raccoglie in sé tutto ciò che c’è di più disprezzabile per un ortodosso dell’epoca, che Gesù si aprirà a una comprensione più ampia della vita, una sorta di generosa laicità per la quale colui che non condivide la mia cultura non è necessariamente un cane ma può essere portatore di una verità che fino ad allora mi era sfuggita.

 

Don

Pour faire un don, suivez ce lien

À propos Gilles

a été pasteur à Amsterdam et en Région parisienne. Il s’est toujours intéressé à la présence de l’Évangile aux marges de l’Église. Il anime depuis 17 ans le site Internet Protestants dans la ville.

Laisser un commentaire

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.